Skip to the content

Microsoft 365 Archive: cos’è, limiti e soluzioni alternative

Microsoft 365 Archive estende lo spazio di archiviazione in Microsoft 365, permettendo l’archiviazione dei siti SharePoint. Ma se le funzionalità sono promettenti, è necessario tuttavia valutare il momento migliore per l'adozione di questo nuovo prodotto, dati i suoi costi di utilizzo.

Prima di comprare nuovo spazio in SharePoint Online e prima di affrontare i costi per l’utilizzo di Microsoft 365 Archive, esiste una soluzione alternativa per liberare spazio senza costi aggiuntivi e con una gestione più autonoma degli archivi nel cloud di Microsoft 365. Si tratta di Microsoft 365 Archive Manager.

Trovate tutti i dettagli su Microsoft 365 Archive e Microsoft 365 Archive Manager in questo articolo.

Microsoft 365 Archive: una breve introduzione

Microsoft 365 Archive è la soluzione progettata da Microsoft per ampliare lo spazio di archiviazione occupato dai siti SharePoint personali e aziendali.

Ora in anteprima pubblica, questo nuovo prodotto permette infatti di archiviare i dati contenuti in un sito SharePoint per evitare che la memoria disponibile venga occupata da contenuti poco utilizzati. È possibile quindi archiviare uno o più siti SharePoint nello spazio aggiuntivo che viene offerto da Microsoft 365 Archive, a un prezzo contenuto. Questa migrazione coinvolge:

  • Librerie di documenti
  • Raccolte di file ed elenchi

Una volta archiviati, i contenuti di un sito rimangono a disposizione degli amministratori globali di SharePoint, che possono decidere di riattivarli o eliminarli del tutto in qualsiasi momento.

Nota importante: anche se archiviati, i dati mantengono gli stessi standard di ricerca (attualmente solo per gli admin, ma presto per tutti gli utenti abilitati), sicurezza e conformità che caratterizzano le risorse condivise in SharePoint e nelle restanti applicazioni di Microsoft 365.

Cos'è intranet.ai?

intranet.ai è la intranet aziendale pronta all'uso, progettata per ridurre i costi e i tempi di implementazione, e realizzare così un ambiente di lavoro digitale collaborativo e moderno:

  • Prezzo iniziale di 3.650 €/anno per una intranet completa
  • 50+ applicazioni, tra cui la ricerca avanzata, il sistema di gestione documentale, le notizie, le notifiche push via Teams, il profilo personale e le FAQ
  • 100% integrata con SharePoint Online e Microsoft 365

 

Come funziona lo spazio di archiviazione Microsoft

Lo spazio di archiviazione di Microsoft si divide in due principali categorie:

  • Spazio di archiviazione della casella di posta, che include:
    • Mail associate al proprio account Microsoft, tra cui Outlook.com, Hotmail, Live e MSN.
    • Gli allegati, i messaggi di posta, i contatti e gli elementi in calendario di Outlook.com.

  • Spazio di archiviazione nel cloud:
    • File e contenuti multimediali salvati o sincronizzati con OneDrive.
    • Allegati e messaggi di posta online di Outlook.com.
    • File e documenti salvati in SharePoint e Teams (che di fatto ha sotto SharePoint per l’archiviazione dei file).

Per gli utenti che hanno acquistato una licenza Microsoft 365, la quota si divide come segue:

  • Lo spazio su SharePoint Online prevede 1TB per ogni azienda a cui si devono sommare 10GB per ogni utente con una licenza che include SharePoint. Per esempio, un’azienda che ha 100 utenti con licenza che include SharePoint avrà 1TB + (10GB * 100) = 2TB di spazio di collaborazione.

  • Piani Microsoft 365 Business:
    • 50 GB per la posta e 1TB per OneDrive, per ogni utente.

  • Piani Microsoft 365 Enterprise (E3/E5):
    • 100GB per la posta e spazio illimitato per OneDrive.
    • Una volta superata la quota disponibile nel proprio SharePoint Online, viene impedito l’accesso a quasi tutte le funzionalità per l’archiviazione e la condivisione di documenti e informazioni.

Per esempio, l’utente non potrà più:

  • Caricare, modificare o sincronizzare nuovi file in OneDrive, mentre i contenuti già presenti saranno disponibili in modalità Sola Lettura.
  • Archiviare o modificare documenti in SharePoint o Teams.
  • Inviare o ricevere messaggi in Microsoft Teams.

Passati poi i 12 mesi dal superamento della quota, Microsoft può disabilitare l’account OneDrive dell’utente ed eliminare tutti i contenuti presenti in modo irrimediabile.

Occorre infine sottolineare che le funzionalità per la posta in Outlook vengono sospese anche se viene superata solamente la quota per l’archiviazione nel cloud. La memoria di OneDrive è quindi il nucleo del digital workplace di Microsoft 365 e il punto a cui utenti e aziende devono prestare maggiore attenzione.

Ecco quindi spiegata l’importanza di Microsoft 365 Archive, l’unica soluzione offerta al momento da Microsoft per evitare di superare la quota di memoria disponibile nel proprio abbonamento, agendo sui siti SharePoint e sui loro archivi direttamente collegati all’account OneDrive personale e aziendale.

Microsoft 365 Archive: quali sono i principali vantaggi?

Nonostante sia ancora un prodotto in anteprima, Microsoft 365 Archive ha già dimostrato di offrire diversi vantaggi per la gestione della memoria nei propri tenant Microsoft 365 e soprattutto di SharePoint Online.

Abbiamo visto come sia ora possibile ridurre lo spazio occupato dai siti SharePoint, spostando il peso dei contenuti in archivio dalla memoria di Microsoft 365 a quella di Microsoft 365 Archive. I dati spostati mantengono inoltre gli standard di sicurezza e di ricerca (anche se quest’ultima ancora limitata).

Ma ci sono altri vantaggi offerti da Microsoft 365 Archive da sottolineare, tra cui i seguenti.

 

1. Velocità di archiviazione

Microsoft 365 Archive riesce a gestire in modo piuttosto agile l’archiviazione dei siti in SharePoint, senza che numero e dimensione influenzino le performance. La velocità di archiviazione si misura in minuti e si distingue quindi dalla velocità offerta da soluzioni come BLOB di Azure.

 

2. Costi contenuti

Microsoft 365 Archive consente di liberare spazio nel proprio ambiente Microsoft 365, riducendo la quota occupata dai siti SharePoint e relativi contenuti archiviati tramite OneDrive. Tutto questo, offrendo a utenti e aziende un risparmio significativo rispetto all’acquisto diretto di nuova memoria. Gli utenti con piano Microsoft 365 aziendale devono, ad esempio, acquistare un piano superiore per ottenere maggiore spazio di archiviazione.

 

3. Mantenimento dei metadati

Per mantenere intatte la privacy e l’organizzazione dei dati in un sito SharePoint archiviato, Microsoft 365 Archive non agisce sui metadati assegnati a ciascuna risorsa né tantomeno sui permessi distribuiti dall’azienda per l’accesso alle informazioni. Una volta riattivato un sito, gli utenti potranno accedere ai contenuti e collaborare con i colleghi come facevano prima dell’archiviazione.

 

4. Decluttering

Microsoft 365 Archive separa automaticamente i siti attivi nel tenant SharePoint da quelli inattivi, ovvero appena archiviati. I siti archiviati vengono infatti elencati sotto l’apposita voce “Siti archiviati”, che gli admin globali o di SharePoint possono raggiungere direttamente dall’interfaccia di amministrazione. Ciò evita che la navigazione degli utenti sia appesantita dalle risorse in SharePoint poco utilizzate e quindi poco utili alle loro attività quotidiane. Ovviamente, questa separazione semplifica anche la gestione dei siti presenti nel tenant da parte degli amministratori.

Qual è la differenza tra Microsoft 365 Archive e SharePoint Advanced Management

SharePoint Advanced Management è un componente aggiuntivo che offre funzionalità utili per gestire i contenuti di SharePoint e OneDrive, migliorando allo stesso tempo l’esperienza di collaborazione.

Tra le funzionalità principali, troviamo le seguenti:

  • Limitare l’accesso a un sito SharePoint tramite i gruppi di Microsoft 365 o di Entra ID
  • Ottenere report di governance per l’accesso ai dati nei siti SharePoint
  • Limitare l’accesso al servizio di OneDrive tramite gruppi di sicurezza
  • Limitare l’accesso a un file archiviato in OneDrive
  • Gestire il ciclo di vita dei siti SharePoint

Quest’ultima funzionalità è il motivo per cui SharePoint Advanced Management viene spesso confuso con Microsoft 365 Archive, ma tra i due prodotti esiste una differenza sostanziale.

La gestione dei siti SharePoint con SharePoint Advanced Management si limita infatti all’identificazione automatica dei siti inattivi e all’invio di una notifica ai proprietari per verificare se il sito rilevato viene effettivamente poco utilizzato dagli utenti.

SharePoint Advanced Management non permette quindi di agire sulla memoria occupata dai siti inattivi, al contrario di Microsoft 365 Archive.

Iscriviti alla newsletter

Riceverai:

  • Brevi video formativi e di aggiornamento sulle novità di Microsoft 365;
  • Le nostre guide per la digitalizzazione aziendale;
  • Articoli di approfondimento su come migliorare la intranet, sfruttando al massimo le tue licenze Microsoft 365.

Potrai disiscriverti in qualsiasi momento.

Microsoft 365 Archive: quanto costa?

Microsoft 365 Archive segue un modello di pagamento a consumo, che si divide in due componenti:

  1. In questa fase di anteprima, lo spazio aggiuntivo viene contabilizzato in 0,05 GB/mese. Nell’addebito, viene considerato solo lo spazio di archiviazione che supera la quota del tenant.
  2. Il prezzo di attivazione per ciascuno dei siti archiviati è pari a 0,60 €/GB. Esiste però un periodo di prova che include la riattivazione gratuita per 7 giorni.

La fatturazione è gestita nello specifico tramite il modello Pay-As-You-Go di SharePoint Premium, che si collega alla sottoscrizione di Microsoft Azure. I costi di Microsoft 365 Archive possono essere quindi monitorati con la funzionalità di Cost Management di Azure.

Chiaramente il vantaggio di utilizzare Microsoft 365 Archive sta proprio nel prezzo. Si pagano 0,05€/GB/mese al posto di 0,2€/GB/mese per lo spazio aggiuntivo di SharePoint Online.

Ma c’è un’alternativa prima di arrivare a pagare questi costi: Microsoft 365 Archive Manager, che permette di cancellare lo spazio inutilizzato di SharePoint Online.

Microsoft 365 Archive: come utilizzarlo?

L’utilizzo di Microsoft 365 Archive è piuttosto intuitivo.

Le funzionalità per l’archiviazione e la riattivazione dei siti SharePoint sono accessibili agli admin globali o di SharePoint direttamente dalla loro interfaccia di amministrazione.

Dall’interfaccia di amministrazione, occorre quindi:

  • Accedere alla voce “Siti attivi”
  • Selezionare i siti che si intende archiviare
  • Fare click sul comando “Archivio”

I siti selezionati compariranno nella voce “Siti archiviati”, sempre accessibile dall’interfaccia di amministrazione. Accedendo all’elenco dei siti archiviati, gli admin possono utilizzare il comando “Riattiva” in qualunque momento per rendere i siti e i relativi contenuti nuovamente disponibili.

Lo spazio occupato dai siti SharePoint archiviati smette di essere conteggiato nella quota disponibile per il proprio piano a Microsoft 365, per essere calcolato e contabilizzato nella quota offerta da Microsoft 365 Archive secondo i criteri visti insieme nel paragrafo dedicato al pricing.

Anche se archiviati, i siti spostati in Microsoft 365 Archive mantengono gli standard in termini di durabilità dei dati, sicurezza tramite i permessi globali e di SharePoint, conformità per il numero di dati consentito dall’UE e per la residenza geografica dei propri dati.

Di seguito, potete trovare una tabella riassuntiva di tutte le funzionalità di Microsoft 365 Archive che abbiamo visto insieme fin qui.

 

Le principali funzionalità di Microsoft 365 Archive

 

Funzionalità di Microsoft 365 Archive

Descrizione della funzionalità

Ampliamento dello spazio di archiviazione in Microsoft 365 tramite i siti SharePoint Microsoft 365 Archive consente di archiviare i dati contenuti nei siti SharePoint, evitando che la memoria disponibile venga occupata da contenuti poco utilizzati.
Conservazione dei dati Anche dopo essere stati archiviati, i contenuti di un sito SharePoint rimangono accessibili agli amministratori globali e del tenant di SharePoint, i quali possono decidere di riattivare o eliminare un sito in archivio in qualunque momento.
Standard di ricerca (in fase di sviluppo), sicurezza e conformità I dati nei siti archiviati mantengono gli stessi standard di ricerca, sicurezza e conformità che caratterizzano le risorse condivise in SharePoint e nelle restanti applicazioni di Microsoft 365.
Velocità di archiviazione Microsoft 365 Archive gestisce l'archiviazione dei siti SharePoint in pochi minuti, indipendentemente dal numero e dalle dimensioni dei siti da archiviare.
Mantenimento dei metadati I metadati assegnati a ciascuna risorsa e i permessi di accesso ai dati vengono mantenuti intatti anche dopo l'archiviazione di un sito.
Separazione dei siti attivi da quelli archiviati Microsoft 365 Archive separa automaticamente i siti attivi da quelli archiviati, semplificando la gestione ed evitando che la navigazione degli utenti sia appesantita da risorse poco utilizzate.
Costi contenuti Microsoft 365 Archive si basa su un modello di pagamento a consumo, influenzato dal numero di siti da archiviare e da riattivare. Anche se i costi non sono insignificanti, permettono di risparmiare sull’acquisto diretto di memoria.

I limiti delle funzionalità di Microsoft 365 Archive

L’anteprima Microsoft 365 Archive presenta alcune importanti limitazioni, che verranno in parte o del tutto risolte entro il 2024. Oltre alla ricerca dei contenuti archiviati (ora disponibile solo per gli admin), ecco i principali limiti alle funzionalità di Archive:

  • L’archiviazione e la riattivazione sono possibili solo per siti SharePoint completi; quindi, non sono disponibili a livello granulare per gestire lo spazio occupato da singoli file o librerie.
  • Un sito hub non può essere archiviato. Occorre prima annullarne la registrazione come tale.
  • Non è possibile visualizzare data e autore dell’archiviazione di un sito.
  • Non è consentita l’archiviazione di un sito registrato nel backup di Microsoft 365.
  • La ridenominazione del tenant non è supportata nei siti archiviati. Occorre quindi riattivarli.
  • Non è possibile delegare l’archiviazione di questi dati ad utenti che non abbiano un ruolo di amministratore di SharePoint o amministratore globale.

Inoltre, i tenant con più di 50.000 siti potrebbero avere problemi nel tentativo di enumerare i siti presenti nella voce “Siti archiviati” dell’interfaccia di amministrazione. I tenant multi-geo non hanno invece la possibilità di spostare i siti archiviati.

Per quanto riguarda i siti SharePoint connessi a Microsoft Teams, occorre fare una distinzione.

I siti collegati a un canale privato non possono essere migrati in Microsoft 365 Archive, mentre l’archiviazione è possibile per i siti SharePoint connessi a un canale Teams standard.

Quando un sito connesso a un canale Teams viene archiviato, rimangono tuttavia attive risorse come:

  • Il canale Teams collegato al sito archiviato
  • La casella di posta in Exchange
  • I contenuti nel tab di Planner

Ma attenzione: l’archiviazione di un sito SharePoint blocca automaticamente l’accesso ai file condivisi nel canale Teams associato per tutti gli utenti.

Per questo motivo, lo stesso Microsoft consiglia di archiviare il canale Teams insieme al relativo sito SharePoint, così da non compromettere l’esperienza utente all’interno del digital workplace.

Un’ultima considerazione riguarda la sincronizzazione.

Se un sito SharePoint viene archiviato mentre è attiva la sincronizzazione con un dispositivo (come un computer o un dispositivo mobile), il software client utilizzato per la sincronizzazione riporterà degli errori una volta terminato il processo di archiviazione.

Il client di sincronizzazione notifica all’utente che la sincronizzazione è bloccata e che quindi potrebbero esserci discrepanze tra i dati presenti sul dispositivo e quelli presenti nel sito SharePoint.

Microsoft 365 Archive: esiste un’alternativa?

Microsoft 365 Archive offre importanti vantaggi, ma anche grandi limitazioni. I costi per mantenere in archivio i siti SharePoint sono significativi, anche se contenuti rispetto l’acquisto diretto di nuova memoria (che spesso combacia con l’acquisto di un piano Microsoft 365 superiore). E non dimentichiamo che vengono perse importanti funzionalità per la collaborazione sui file e la gestione dei contenuti di un sito nella migrazione verso Microsoft 365 Archive.

Infine, l’archiviazione è attualmente limitata ai soli siti SharePoint e non permette quindi di gestire lo spazio occupato dalla piattaforma cloud principale di Microsoft 365, ovvero OneDrive.

Anche se Microsoft non offre alternative, esiste una soluzione più economica e completa. Si tratta di Microsoft 365 Archive Manager.

Microsoft 365 Archive Manager: la soluzione migliore per gestire lo spazio nel cloud Microsoft

Microsoft 365 Archive Manager è la soluzione che abbiamo sviluppato per permettere alle aziende di ridurre lo spazio occupato da SharePoint e da OneDrive, risparmiando sull’acquisto di nuova memoria e sui costi per l’utilizzo di strumenti come il nuovo Archive di Microsoft.

Serve per mantenere puliti gli archivi nel cloud aziendale, agendo sulla loro gestione piuttosto che sulla loro posizione (non si tratta quindi di una semplice migrazione da un archivio all’altro).

Rende così possibile:

  • Migliorare la gestione dello spazio di archiviazione in Microsoft 365, in autonomia.
  • Mantenere le funzionalità di collaborazione, che si perdono con Microsoft 365 Archive.

Il meccanismo è semplice.

Microsoft 365 Archive Manager inizia con una scansione rapida di tutti gli archivi in Microsoft Teams, SharePoint e OneDrive, analizzando le versioni dei file presenti.

Calcola la memoria occupata dalle singole versioni dei file per indicare all’azienda quanto spazio potrebbe liberare con l’eliminazione dei contenuti, in base all’utilità.

Per identificare con precisione le versioni meno utili per l’azienda e le attività degli utenti, Archive Manager consente di utilizzare regole che si focalizzano su siti SharePoint specifici, file con versioni più vecchie rispetto una specifica data oppure file di determinate tipologie. Ma c’è anche la possibilità di accedere a funzionalità premium per creare regole di analisi personalizzate.

Altri vantaggi della nostra piattaforma includono i seguenti:

  1. Programmazione del flusso di verifica, per stabilire con quale frequenza analizzare gli archivi del proprio ambiente Microsoft 365 e garantire così un monitoring costante della quota disponibile.
  2. Insight per la gestione della memoria e consigli su come archiviare correttamente i file nel cloud.
  3. Installazione semplice e il nostro supporto per adattare la soluzione al proprio digital workplace.

Occorre infine sottolineare che Microsoft 365 Archive Manager opera anche in OneDrive.

Questa è forse la funzionalità migliore, perché ancora non esiste uno strumento in grado di gestire lo spazio di archiviazione direttamente in OneDrive. Non ci riesce nemmeno Microsoft 365 Archive.

Con la nostra soluzione, gli utenti possono gestire gli archivi di OneDrive a livello personale e aziendale. In autonomia, per non dipendere dal reparto IT.

 

I vantaggi di Microsoft 365 Archive Manager

 

Vantaggi di Microsoft 365 Archive Manager Descrizione del vantaggio
I costi sono in base alle librerie di documenti e non in base allo spazio utilizzato Microsoft 365 Archive Manager ha una licenza con piani in base al numero di librerie create, qualsiasi sia lo spazio effettivo utilizzato o che si può risparmiare. Dando così un vantaggio economico notevole per il cliente.
Gestione dello spazio di archiviazione in tutto l’ambiente di Microsoft 365 Microsoft 365 Archive Manager consente di non superare mai i limiti di memoria disponibili nel proprio piano a Microsoft 365, tramite la corretta gestione degli archivi in SharePoint e OneDrive.
Gestione degli archivi in OneDrive Archive Manager opera anche in OneDrive, consentendo di gestire gli archivi personali e aziendali senza dipendere dal reparto IT.
Conservazione delle funzionalità di collaborazione Gli utenti possono ridurre lo spazio occupato dai file in SharePoint e OneDrive, senza necessità di archiviare contenuti e interrompere la collaborazione in tempo reale con i colleghi.
Analisi degli archivi nel cloud di Microsoft 365 Archive Manager effettua una scansione rapida degli archivi in Teams, SharePoint e OneDrive, analizzando le versioni dei file presenti per indicare lo spazio che potrebbe essere liberato con l’eliminazione dei contenuti meno utili.
Creazione di regole per l’analisi personalizzate Gli utenti possono creare i criteri per identificare ed eliminare con precisione le versioni meno utili dei loro file, per mantenere puliti gli archivi.
Programmazione del flusso di verifica È possibile programmare il flusso di verifica per stabilire con quale frequenza analizzare gli archivi del proprio ambiente Microsoft 365, garantendo un monitoring costante dello spazio disponibile.
Insight per la gestione della memoria Archive Manager fornisce insight e consigli su come archiviare correttamente i file nel cloud, aiutando gli utenti a gestire lo spazio di archiviazione in autonomia.
Delega della gestione dello spazio Archive Manager permette di delegare specifici utenti per la gestione dello spazio superfluo dei siti SharePoint che hanno in carico, senza la necessità di assegnare permessi di SharePoint Online Administrator.

Libera spazio con Microsoft 365 Archive Manager


Microsoft 365 Archive Manager è la soluzione per gestire lo spazio di archiviazione in Microsoft 365, risparmiando sull’acquisto di nuova memoria:

  • Riduce lo spazio occupato da SharePoint, Teams e OneDrive senza costi aggiuntivi.
  • Mantiene le funzionalità di collaborazione, perse con Microsoft 365 Archive.
  • Aiuta a gestire gli archivi nel cloud Microsoft in autonomia.

 

Giuseppe Marchi

 

Microsoft MVP per SharePoint e Microsoft 365 dal 2010.

Giuseppe è il fondatore di intranet.ai e uno dei massimi esperti in Italia per tutto ciò che riguarda Microsoft 365. Da anni, aiuta le aziende a creare il proprio ambiente di lavoro digitale sul cloud di Microsoft, curando l'esperienza delle persone.

FAQ su Microsoft 365 Archive


Cos'è Microsoft 365 Archive?

Microsoft 365 Archive è una soluzione sviluppata da Microsoft per estendere lo spazio di archiviazione di SharePoint Online, permettendo di archiviare i siti SharePoint per ridurre lo spazio occupato da contenuti poco utilizzati. È particolarmente utile per le aziende per gestire efficacemente la capacità di archiviazione senza superare le quote disponibili, mantenendo al contempo alti standard di sicurezza e conformità.

Quali sono i vantaggi principali di Microsoft 365 Archive?

I vantaggi principali di Microsoft 365 Archive includono la riduzione dello spazio occupato dai siti SharePoint, la velocità di archiviazione, il mantenimento dei metadati, la separazione dei siti attivi da quelli archiviati e il costo contenuto del servizio. Questi vantaggi aiutano le organizzazioni a gestire meglio le risorse di memoria senza compromettere l'accesso e l'utilizzo dei dati archiviati.

Come funziona Microsoft 365 Archive?

Per utilizzare Microsoft 365 Archive, gli amministratori accedono all'interfaccia di amministrazione di SharePoint, selezionano i siti da archiviare e utilizzano il comando 'Archivio'. I siti archiviati sono poi gestiti attraverso la voce 'Siti archiviati', dove è possibile riattivare i contenuti in qualsiasi momento, mantenendo le funzionalità di sicurezza e conformità.

Esiste un'alternativa a Microsoft 365 Archive?

Sì, esiste un'alternativa chiamata Microsoft 365 Archive Manager. Questa soluzione permette una gestione più autonoma e consapevole degli archivi, agendo sulla capacità di memoria senza spostare fisicamente i dati da un archivio all'altro. Offre vantaggi come la gestione dello spazio di archiviazione in tutto l'ambiente di Microsoft 365, la conservazione delle funzionalità di collaborazione e la possibilità di creare regole di analisi personalizzate.

Quali sono i limiti delle funzionalità in anteprima di Microsoft 365 Archive?

Le limitazioni attuali di Microsoft 365 Archive includono l'incapacità di gestire lo spazio occupato a livello granulare, l'impossibilità di archiviare siti hub senza annullarne prima la registrazione, e restrizioni sulla visualizzazione dei dati e sulla ridenominazione dei tenant nei siti archiviati. Altre limitazioni riguardano la gestione dei siti SharePoint connessi a Microsoft Teams e problemi potenziali nei tenant molto grandi o multi-geo.